Archivi tag: Poesia ligure

Alla pioggia

Edmondo De Amicis

Edmondo De Amicis

Scendi a torrenti, giù, pioggia feconda.
Riga il ciel de le tua fila infinite,
Ravviva i germi, suscita le vite
Nel seno de la terra sitibonda!
5Scroscia ne la città negra ed immonda,
Gorgoglia ne le piazze inaridite,
Lava i sobborghi, spazza la mefite,
Corri, schizza, ringorga, inaffia, inonda!
Vedi, tutto si scote e si ridesta
10Sotto ai sonanti sprazzi cristallini,
Tutto sgocciola, tremola e fa festa,
E dai vetri t’applaudono i bambini
E i fiori verso te levan la testa
E le donne ti mostrano i piedini.

Grido

Angelo Barile

Voci parole son tutte di piombo,
cadono morte nel grembo alla sera
come in un mare.

O desiderî, cavalli leggeri!
Ora sul prato pascolate avare
erbe, mordete l’aria che s’annera.

Sentirvi,
o desiderî, o miei pegasi stanchi,
battere ancora uno scalpito! e fosse
l’ultimo, quello che rapisce: il grido
sullo strapiombo.

Poesia n. 336 Aprile 2018
La domestica grazia di Angelo Barile
a cura di Stefano Verdino

 

 

 

 




Che dice la pioggerellina di marzo?

Angiolo Silvio Novaro

Angiolo Silvio Novaro

Che dice la pioggerellina
Di marzo, che picchia argentina
Sui tegoli vecchi
Del tetto, sui bruscoli secchi
Dell’orto, sul fico e sul muro
Ornati di gemmule d’oro?
Passata è l’uggiosa invernata,
Passata, passata!
Di fuor dalla nuvola nera
Di fuor dalla nuvola bigia
Che in cielo si pigia,
Domani uscirà Primavera
Con pieno il grembiale
Di tiepido sole,
Di fresche viole,
Di primule rosse, di battiti d’ale,
Di nidi,
Di gridi
Di rondini, ed anche
Di stelle di mandorlo, bianche…
Ciò dice la pioggerellina
Sui tegoli vecchi
Del tetto, sui bruscoli secchi
dell’orto, sul fico e sul moro
Ornati di gemmule d’oro.
Ciò canta, ciò dice;
E il cuor che l’ascolta è felice.