eccomi, ti porto le prime margherite

Riccardo Emmolo

Eccomi, ti porto le prime margherite
e la candida austerità della calla
i minuscoli soli della mimosa
già tutti esplosi a gennaio
la scorza bruciata di un carrubo
e il tepore della guancia di mio figlio
la gratitudine della pelle
per le carezze notturne di mia moglie.
Altre offerte non ho
né so quando tornerai.
Da Ombra e destino e altre poesie