Arrampicata

Sonia Malcisi

Come due arrampicatori

che si tendono la mano

scaliamo

imprechiamo

preghiamo

non ci voltiamo indietro,

selve di rovi

rampicanti insidiosi

ci confondono l’orizzonte.

La primavera si drappeggia d’autunno

la stagione dell’amore

con quella dell’umore.

Ci anima invece caparbia la vita stessa

con le sue sferzate di vento

la stanchezza velata da malinconia

l’energia trattenuta ad  ogni alba.

Al campo base si narrano storie

di impossibili imprese

di cime che non si raggiungono mai

ma come nelle fiabe

nessuno crede il cielo

non lo si possa sfiorare.