Quel che resta

Fiorella Rega

Ci restano bocconi di memorie
      quando eravamo sazi dei tramonti
                   scesi sulle cosce,
       le spalle nude a graffiare il vento,
             le mani a scavare buche
        per annacquare fiori tremolanti.
                Dune di sabbia rosa
                intorno ai piedi caldi,
          salite e poi discese di parole
            come altalene di sussurri
                   al nostro mondo
        disegnato su pezzi di carta lisi.
          Ci restano le scritte colorate
               sui cartelloni a vista:
              “Si nasce per morire “.
         Non ci abbiamo creduto mai.