Il tuo nome è una rondine

Marina Cvetaeva

 

Marina Cvetaeva

 

Il tuo nome è una rondine nella mano,
il tuo nome è un ghiacciolo sulla lingua.
Un solo unico movimento delle labbra.
Il tuo nome sono cinque lettere.
Una pallina afferrata al volo,
un sonaglio d’argento nella bocca.
Un sasso gettato in un quieto stagno
singhiozza come il tuo nome suona.
Nel leggero schiocco degli zoccoli notturni
il tuo nome rumoroso rimbomba.
E ce lo nomina lo scatto sonoro
del grilletto contro la tempia.
Il tuo nome – ah, non si può! –
il tuo nome è un bacio sugli occhi,
sul tenero freddo delle palpebre immobili.
Il tuo nome è un bacio dato alla neve.
Un sorso di fonte, gelato, turchino.
Con il tuo nome il sonno è profondo.

Io ci sono

Marina Cvetaeva

 

Marina Cvetaeva

 

Io ci sono. Tu – ci sarai. Ci divide un abisso.
Io che bevo. Tu – che riardi. Come fare a trovarci?
Dieci anni, anzi no, centomila
ci separano. I ponti Dio non li fa.
“Sii! Ora!” è il mio comandamento. O almeno
va’ per la tua strada e lasciami crescere.
Io ci sono. Tu – ci sarai. Tra dieci inverni
tu mi dirai: “Ora ci sono!”, ma io: “Era tanto tempo fa…”

Eccetto l’amore

Marina Cvetaeva

 

Marina Cvetaeva

 

Non amavo, ma piangevo. No, non amavo, tuttavia
solo a te ho dedicato nell’ ombra il volto adorato.
Tutto nel nostro sogno non assomigliava all’amore:
né ragioni né indizi.
Solo noi ha salutato questa immagine dalla sala serale,
solo noi – tu ed io – le abbiamo portato un verso lamentoso.
Il filo dell’adorazione ci ha legati più forte
dell’innamoramento degli altri.
Ma l’impeto è passato e dolcemente qualcuno
si è avvicinato, che non poteva pregare, ma amava.
Non affrettarti a condannare. Ti ricorderò come
la più tenera nota nel risveglio dell’anima.
Tu vagavi in questo animo triste come in una casa
non chiusa (nella nostra casa, in primavera). Non definirmi
come quella che ha dimenticato. Io ho riempito di te
tutti i minuti tranne il più triste: quello dell’amore.

Mi piace

Marina Cvetaeva

 

Marina Cvetaeva

 

Mi piace che siate malato ma non di me,
mi piace che io sia malata ma non di voi,
che mai la pesante sfera terrestre
scivolerebbe sotto i nostri piedi.
Mi piace che si può essere spiritosa –
indisciplinata – e non giocare con le parole
e non arrossire per una asfissiante ondata
toccandosi con le mani con leggerezza.
Mi piace anche che voi – in mia presenza –
abbracciate tranquillamente un’altra:
non condannatemi a bruciare
nel fuoco dell’inferno perché non vi bacio,
perché il mio tenero nome, mio caro, non
menzionate né di giorno né di notte – invano.
Perché nel silenzio di una chiesa
non canteranno mai sopra di noi “alleluja!”
Grazie a voi, col cuore e con la mano,
perché voi – senza neanche saperlo –
mi amate così tanto: per la mia quiete notturna,
per la rarità degli incontri nelle ore del tramonto,
per le nostre non passeggiate sotto la luna,
per il sole non sulle nostre teste,
poiché voi siete malato – purtroppo! – non di me,
perché io sono malata – purtroppo! – non di voi.

Non aver paura, sono io

Marina Cvetaeva

 

Marina Cvetaeva

 

Non aver paura, sono io. Non senti
che su te m’infrango con tutti i sensi?
Ha messo ali il mio cuore
e ora vola candido attorno al tuo viso.
Non vedi la mia anima innanzi a te
adorna di silenzio?
E la mia preghiera di maggio
non matura al tuo sguardo come su un albero?
Se sogni, sono il tuo sogno
ma se sei desto sono il tuo volere;
padrone d’ogni splendore
m’inarco, silenzio stellato,
sulla bizzarra città del tempo.

Né freccia né pietra

Marina Cvetaeva

 

Marina Cvetaeva

 

Ciao! Né freccia né pietra:
io! – La più viva delle donne:
vita. Tutte le mie carezze –
al sonno tuo incompiuto.
Vieni qui! (vale a dire:
Tienimi! – è questione di senso)
Afferrami tutta così felice
e semplice come mi vedi!
Stringimi! – che oggi lontano navighiamo,
stringimi! – che sciamo! – con un filo di seta!
Oggi porto una pelle nuova:
quella dorata, la settima!
– Mio! – altro che ricompense
in cielo, se tra le braccia, sulla bocca
c’è la Vita: la felicità sfacciata
di dirti ciao ogni mattina!

Leggerezza

Marina Cvetaeva

 

Marina Cvetaeva

 

Io voglio invece leggerezza,
libertà, comprensione
non trattenere nessuno,
e che nessuno mi trattenga.
Tutta la mia vita
è una storia d’amore con la mia anima,
con la città in cui vivo,
con l’albero al bordo della strada,
con l’aria.
E sono infinitamente felice.

Amico caro

Marina Cvetaeva

 

Marina Cvetaeva

 

Amico caro,
la mia furia non è di parole,
ma non è neanche di atti:
sono passioni dell’anima,
assolutamente diverse dalle altre.
Nella vita (in una stanza)
io sono tranquilla, educata,
sfioro appena gli altri con lo sguardo
e con la voce –
e non prendo mai per prima una mano.
Con un essere umano io sono ciò che lui vede,
per avermi vera bisogna vedere la me vera,
in me ci sono troppe anime – tutte! –
a volte, senza volerlo, induco in errore…

E’ larga e gialla la luce serale

Anna Achmàtova

 

Anna Achmàtova

 

È larga e gialla la luce serale,
mite il fresco d’aprile.
Hai tardato molti anni,
ma sono lieta di te.
Siedi più a me vicino,
guardami con gli occhi allegri:
Ecco il quaderno azzurro
dei miei versi infantili.
Perdona se son vissuta affliggendomi,
e il sole poco m’ha allietata.
Perdona, perdona se molti
ho scambiato per te.