O Rrau

Eduardo de Filippo

Eduardo de Filippo

‘O rraù ca me piace a me
m’ ‘o faceva sulo mamma.
A che m’aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
Io nun songo difficultuso;
ma luvà mmel’ ‘a miezo st’uso.
Sì, ba vuono: cumme vuò tu.
Mò ce avéssem’ appiccecà?
Tu che dice? Chist’ ‘e rraù?
E io m’ ‘o mmagno pe’ m’ ‘o mangià…
M’ ‘a faje dicere na parola?…
Chesta è carne c’ ‘a pummarola.

il corpo porta con sé l’odio come qualunque

Biagio Cepollaro

Biagio Cepollaro

il corpo porta con sé l’odio come qualunque
altra sostanza che alimenta il sangue e gira
tra le membra: è un insieme contraddittorio
di crescita dello sguardo e di tossina che lo spegne
ma coesistono il parco di prima mattina nell’aria
lieve di primavera e la fantasia a volte pungente
di vedere morti i corpi che lo minacciano
quando questo è a rischio di sopravvivenza
Biagio Cepollaro (Napoli, 1959), da Le qualità(La camera verde, 2012)

Il premio del deserto

Stelvio Di Spigno

Stelvio Di Spigno

Non troviamo scritto che egli abbia mai
mormorato contro Dio, ma sopportava la fatica
rendendo grazie, per questo Dio lo prese con sé.
Detti dei Padri del deserto, Collezione anonima, 376
Delle pigre montagne lanciate a mormorazione
delle nubi e dei falchi contro la spettrale solitudine,
quelle che vanno da Mercogliano a Fossanova
hanno più da dire, più da parlare intorno al mondo
che in questa similitudine fabbrica stipiti e porte ingannatrici,
grandi messaggi di pietra e di grotte sul dosso dell’aurora:
la più grande vittoria è di chi sa stare in piedi
restare utile nella grande selva di tutti gli io
passati, futuri e venienti,
la tavola appena raccolta sotto il delirio
floreale della casa al mare, anzi sottomarina,
il tutto sparito sotto una coltre di anni abnegati,
i vestiti chiari, il roseo passaggio di venti e barche
sotto il porto turistico e il molo riservato
ai pochi che ancora non sanno cos’è stato
l’urto solenne della vita col suo cono d’ombra,
la sua scomparsa per le mille feritoie del tempo.
(Da Fermata del tempo, Marcos y Marcos, Milano 2015)

Io ti vorrei bastare

Erri De Luca

Erri De Luca

Io te vurria vasa’ “, sospira la canzone
ma prima e più di questo io ti vorrei bastare,
io te vurria abbasta’,
come la gola al canto come il coltello al pane
come la fede al santo io ti vorrei bastare.
E nessun altro abbraccio potessi tu cercare
in nessun altro odore addormentare,
io ti vorrei bastare,
io te vurria abbasta’.
” Io te vurria vasa’ “, insiste la canzone
ma un pò meno di questo io ti vorrei mancare
io te vurria manca’,
più del fiato in salita
più di neve a Natale
di benda su ferita
più di farina e sale.
E nessun altro abbraccio potessi tu cercare
in nessun altro odore addormentare,
io ti vorrei mancare,
io te vurria manca’.

Si diventa scemi insieme

Valerio Grutt

Valerio Grutt

Si diventa scemi insieme
per la vita
col tempo ci si assomiglia.
Si regola il passo per attraversare
la strada, si finisce di mangiare
contemporaneamente.
Voglio diventare scemo con te
guardare i fiori esplosi sul davanzale
far crescere la terra con i sogni.
Essere insieme lo spettacolo
del giorno che comincia.
Valerio Grutt (Napoli, 1983), da Dammi tue notizie e un bacio a tutti(Interno Poesia, 2018)

207 / 370

Gerardo Passannante

L’infimo stadio di una relazione
è certo quello in cui l’amore cessa.
Ché se crudele è il male che si rende
a chi una volta promettemmo gioia,
più delittuoso ancora
è domare un sentire irrequieto,
per rassegnarsi all’impoverimento
con cui, giorno per giorno,
la morte realizza dentro noi
il suo basso disegno.

A seggia

Eduardo de Filippo

Eduardo de Filippo

‘A primma pazziella
ca cchiù te piace e ca te da’ cchiu’ gioia…
e ca pirciò t’ ‘a danno
…è ‘a siggiulella.
Tiene n’anno
e capisce ch’e’ ‘a toja.
Nun parle ancora,
e pure:
guaie chi ‘a tocca.
Tutt’ ‘a stessa mesura,
no una chiara e una scura:
songo tutte tantelle
‘ e ssiggiulelle
d’ ‘e piccerille e d’ ‘e piccerenelle.
Po’ addeventa siggione,
po’ se trasforma a sseggia;
e nun t’ ‘a danno cchiu’:
te ll’j’ a piglia’.
Ma nun songo cchiu’ eguale,
nonzignore.
Ce sta chella mpagliata,
lucida ‘e pulitura,
mpellicciata
e allustrata;
e chella adderittura
c’ ‘a spallera ndurata,
tapezzata ‘e velluto.
Dint’ ‘a cantina
o ncopp’ ‘o Tribunale,
addo’ s’assett’ ‘a Legge;
dint’ a nu vascio, dint’ a do’ barbiere,
a Palazzo Riale,
dint’a do’ pasticciere,
ce truov’ ‘e seggie.
E mmiez’ ‘e seggie, ‘a seggia,
chella ca tu vulisse:
‘a pazziella
d’ ‘e piccerille
gruosse.