I VOLTI

Franco Dionesalvi

Franco Dionesalvi

Nell’esercizio della memoria
i volti della quarta elementare
che la foto risveglia
prendono in me vezzi e cadenze
e ciuffi e occhi e versi ricorrenti.
Mi scorgo in uno di quei volti e vezzi
il terzo da sinistra, quello biondo.
E pure, sarà forse il far del tempo,
a lui non tengo più che agli altri,
ma ora a questo ora a quello il corpo muovo.

Gelide parvenze

Lorenzo Calogero

Lorenzo Calogero

Gelide parvenze, la vita acre dei segni
conosco. Non è finito lo spazio.
Io mi corrompo. Non so l’aurora quale il ladro
del tempo rapido senza scampo. È murmure
il suo sonno a una risposta a sommo
di una tomba nascosta che ti trasporta,
e, di trasporto in trasporto, è il suono
dell’essere felice, gioia non tersa
calma nel suo fondo. E se nel suo velo
un corpo dietro un passo senza peso
vede, triste io ti domando. I cieli
sono sciupati, emersi dentro un raggio.
Nell’isola che li contiene
è una rondine felice.

Figure immaginarie

Lorenzo Calogero

Lorenzo Calogero

Figure immaginarie
che germina l’anima
per vederle partire
in un mare di sogno.
Siamo legati alla vita
da sottilissime vene
come ad un mare pauroso
che sempre abbuisce.
Ci levighiamo colla speranza sottile
di conoscere le cose a fondo,
di traghettare sulle nostre spalle
l’ombra della nostra morte
sull’altra riva
ed essere così
immutabili ed eterni
al livello desiderato.

E’ a lampa schiatterija…

Achille Curcio

Achille Curcio

Sta vita fu pe mia comu hjumara
chi accanizzau scindendu
i junchi chi ncuntrava,
e scippandu nu hjura de jinostra
’u ficia mu si perda dintra mara;
’u ficia mu s’affuca dintra l’acqua,
duva s’avìa astutatu
’u focu chi attizzava ’a cotraranza.
Luntanu i negghi ncelu
mi parianu lenzola de vucata,
stenduti sutta ’u sula ad asciucara.
Nte i frundi d’a nucara
c’era ’a vucia d’o ventu chi cantava,
’a vucia chi ogni celu
mandava cu nu tronu
quandu chiovìa de notta e lampijava.
Allora dintra ’u scuru,
l’occhi mei sbiddhicati
eranu chini ’e casi e de paisi,
chini de genta
ncatturata de jornu cu i penzeri;
eranu chini ’e lucia
e nt’o cora sentìa
canti de paradisi
e nu sonu luntanu ’e litanìa.
Mò chiddhu chi mi resta si scilazza,
comu sonnu chi mora appena nescia;
o si spilazza comu negghia ncelu
chi a la vora chi mina
si perda e si sculura.
D’o cora ormai nchiatratu
non sacciu mancu comu
mi sagghia a lu cerveddhu nu vrusciura
chi astuta li penzeri.
S’ammutaru i cannali de’ biveri
e non cantanu cchiù griddhi e cicali;
muti supra ’a ficara
l’oceddhi si mpetraru.
Nu jornu doppu l’atru. ’u tempu scurra,
mpurra l’anima stanca
e ’a lampa schiatterija a la sirata.
dal volume ’U poeta non rida (2005)

L’ avia dassatu mu arripezza ‘a luna

Achille Curcio

Achille Curcio

Quantu negghia mi scinda dintra l’occhi
e chi vunnu gravusu
ogni vota chi sagghiu a lu paisa,
e tornu m’accumpagnu
n’ amicu chi ncignau n’atru caminu.
Puru oja, chi tornavi,
’e sutta i castagnari d’o Catusu
si divaca nu hjarvu de jinostra
e para ’u Corpus Domini nt’a strata.
Nt’o voscu de’ penzeri,
duva l’anima mia trova ricettu,
avìa dassatu nu cumpagnu ’e scola
mu ruppa c’u clarinu
nu silenziu de pacia senza fina.
L’avìa dassatu ’u guarda
i basuli de’ strati d’o paisa,
mu tena ammasunati li lucerti
chi aviamu de nchiaccara a Passuliddhi;
l’avìa dassatu ’u cunta a notta i stiddhi
chi cumparianu ’e supra na vineddha.
L’avìa dassatu m’arripezza ’a luna
si si sciancava supra i castagnari;
l’avìa dassatu tuttu nu passatu
chi mi serva mu campu nte’ penzeri,
o quandu ccà tornava
vestutu ’e foresteri.
Sta processiona d’oja
’u porta ’u si riposa a li Cuturi,
duva i cipressi paranu pinneddhi
chi pittanu nt’o celu
quatri de paradisu.
Tu, chi arrivavi primu
quandu jiamu scappandu pe li strati,
vincisti puru mò ch’eri malatu:
fujisti comu ’u ventu nte nu lampu
dassandu a mia sturdutu
fora d’o campusantu.
dal volume ’U poeta non rida (2005)

A GABRIELLA

Franco Dionesalvi

Franco Dionesalvi

La terra è silenziosa sotto albe
————
dilaniate da nuovi germogli.
Il diadema della regina di marmo
————
è severo nel suo giudizio sulle
dimenticanze.
Il pesco sereno non conosce
————
l’indolente inseguirsi del vento.
Una cesta di vimini è muta nel sole
————
corteggiata da un cane nessuno.
Muggisce sotto la ruota cigolante
————
la pulce sapiente della staccionata.
Un nuovo sapore di terra
————
sospende il giudizio del chiomato signore.
Non c’è luna non c’è pianeta
————
che non brami nutrirsi delle molecole
della tua pelle.

DETTAGLIO

Franco Dionesalvi

Franco Dionesalvi

La sola cosa
che ricordo di lui
è che allungava ad arte le parole
un poco le cantava le finali
carezzandosi il viso con la spalla
e lui sapeva di chi e perché.
Poca roba, trascurabile dettaglio.
La prima cosa che gli chiederò
quando lo incontrerò dall’altra parte
sarà di carezzarmi una parola
allungandone l’eco con la spalla.

L’opera

Lorenzo Calogero

Lorenzo Calogero

L’opera
non cade mai,
non si frantuma,
rimane eterna.
Gioiosa o mesta,
entusiasta e molteplice,
rimanendo immutata
ai colpi del tempo,
è testimone
di un tempo immortale.
La sua nuda fronte
rimane ferma, soda
sotto i raggi del sole che l’indora
fra i pollici fissi dell’universo.
Da essa a volte cadono scintille
che indorano la bruna chioma
dei fanciulli che vanno a scuola
svegliandoli dal letargo
nel primo entusiasmo.

Mara ‘e lissia

Achille Curcio

Achille Curcio

Stu mara para fattu de lissìa:
è ncinneratu comu chistu celu
chi ’u culura perdìu senza cchiù sula,
e pe sta malatìa
si mbulicau cu l’undi
chi arrivotanu ’a praia ’e Calalonga.
I varchi su’ tirati supr’a strata
ed è silenziu puru nt’a potica
duva Gregoriu aspetta mu si ferma
cui passa e curra.
Mò ’u ventu ’e tramuntana
sputazza d’acqua ’e mara va jettandu
e chista salimora, comu nchiana,
rusica ’u virda ’e l’arvuri atterruti.
E’ comu nu malignu
chi mina picciuliddhi e s’arrecrija.
’A sira, quandu scinda d’o paisa
na hjumara de scuru,
’u ventu s’addormenta e supra mara
na cuverta de negghia poi si stenda.
’A luna non cumpara.
Nt’a notta c’è cui senta
na canzuna chi Chignu cchiù non canta:
’U vecchiu marinaru
a riva non tornau:
nu cavaddhuna randa
’a varca ndozzicau;
’u ventu cu mu schiaffu
a fundu la calau.

dal volume ’U poeta non rida (2005)

LE SCARPE

Franco Dionesalvi

Franco Dionesalvi

Ho un paio di scarpe nuove
camminano ch’è un piacere.
E come corrono!
stento a tenergli dietro.
Non temono palude né acquitrino,
né deserto di sabbia né muraglia di pedoni,
che risse che baruffe che clamori
sempre mi vanno dentro.
Ora non soffro più la lontananza
di crocicchio in crocicchio
io so che vengo a te;
ma tu, non cambiar veste,
non farti scoraggiare da quei lampi,
io vengo a piedi.
Dicono che in Canada
giungono a volte piedi d’uomo
da soli a riva, ce li porta il mare,
strappati a chissà chi
che forse andare oltre non voleva,
un piede nella scarpa prigioniero
laggiù, terre lontane.
Oh come va veloce questo globo
però non so se corro insieme a lui
o se incontinente gli vo incontro
eppure le ho pagate pochi soldi
alla fiera di marzo.