vanno verso qualche cosa di ghiaccio

Domenico Brancale

Domenico Brancale

vanno verso qualche cosa di ghiaccio
i fiumi che
pronunciamo
tra le sponde dei labbri
verso un non scorrere
mai divenuti mare
un restare
alle prese della cute
(eterno ghiacciare)
uno di noi se mai fosse stato
uno di noi qui raggelato
quanto manca per dire che siano ossa
le lame che frangono la terra?
aliti vi siete fatti
cristalli in mezzo alla scia
bruciando
da incerti umani

addò sòo i?

Domenico Brancale

Domenico Brancale

Addò sòo i?
Addò sòo?
Cusse i’è u suonne ca mi fàzze
non sàcce si so’ spine o curtielle
’ssi cose citte ca m’abbruculèine
u sanghe d’o pinziere
no’ mmi fàzze capace
eccó minnè nd’u liette di vammace
angune non pìgghie pace
Addò sòo i
no’ ng’è morte ca mi strùsce
da Canti affilati

pure sottaterre

Domenico Brancale

Domenico Brancale

Pure sottaterre
angùne aspètte a mmi
nu zulù spugghiàte e vrusciàte
ca n’eterne stàie a lla spiranze
di na nuvele
ca si skàffe a chiange
e po’ non s’ ’mbùnde cchiù
sòo vere sicure
ca mi ngi ’ggià ’rricriià
llà sotte a lla micciune
nd’ ’a ’ccisione d’u niùre
o muorte so’ cchiù vive di nuie
da Canti affilati

prematuri

Domenico Brancale

Domenico Brancale

quante parole mute
a lungo nello scafo del cuore
talvolta pesanti
innumeri parole irrimediabilmente assolte
in quella combustione fin d’allora avvenuta
quante a lungo termine nell’imprecisato luogo
chi non vi pronuncia?
chi getta sabbia sull’aurora?
il vento fa fischiare i muri
i visi prematuri
non resta che il cammino
che marcia senza l’uomo
da incerti umani