Se un giorno

Zaher Rezai

Zaher Rezai

Se un giorno in esilio la morte deciderà di prendesi il mio corpo

Chi si occuperà della mia sepoltura, chi cucirà il mio sudario?

In un luogo alto sia deposta la mia bara

Così che il vento restituisca alla mia Patria il mio profumo

Magari

Nadia Anjuman

Nadia Anjuman

A voi, ragazze isolate del secolo
condottiere silenziose, sconosciute alla gente
voi, sulle cui labbra è morto il sorriso,
voi che siete senza voce in un angolo sperduto, piegate in due,
cariche dei ricordi, nascosti nel mucchio dei rimpianti
se tra i ricordi vedete il sorriso
ditelo:
Non avete più voglia di aprire le labbra,
ma magari tra le nostre lacrime e urla
ogni tanto facevate apparire
la parola meno limpida.

Landay II

Anonimo

Ragazza:
“Fa scivolare la tua mano nel mio reggiseno
e tocca una rossa e matura melagrana di Kandahar”
Ragazzo:
“Ho fatto scivolare la mia mano nel tuo reggiseno,
ma chi verserà le monete nella ciotola del guardiano?”