Ti attendo fissando la strada

NIMĀ YUSHIJ

NIMĀ YUSHIJ

Ti attendo fissando la strada, di notte
quando si tingono di scuro le ombre tra i rami di “telajen”
e da ciò è causata la nostalgia di amanti afflitti;
ti attendo fissando la strada.
Di notte. Nell’attimo in cui i fondi delle valli dormono come i serpenti morti;
nel momento in cui la mano dell’edera lega al piede del cipresso la trappola,
che tu mi ricordi o no, io dal tuo ricordo non cesso;
ti attendo fissando la strada.