Una parola

Meena Alexander

Meena Alexander

Ci incontrammo in una città in rovina

Oltre l’estate delle nostre vite.

Prima di allora m’impauriva

Una parola – Dio.

Ora la mormoro

Quando le foglie di loto rabbrividiscono all’alba,

La bruma bolle nella pancia del fiume

Un pescespada salta spruzzando alla sua morte,

Io sento le tue mani

Carezzarmi i capelli togliendoli dal viso:

Ci abbracciammo in una casa d’osso

Mentre il leone di Ashoka balzava fuori dall’arenaria

E la rosa dipinta continuava a covare,

I suoi petali stinti in uno specchio opaco.