Nella torre

Mattia Tarantino

 

Mattia Tarantino

 

Nella torre la lingua mi respinge
al precipizio della sillaba e fa polvere
del nome, sbriciolando
l’inverno che abitò la terra santa.
Ora le vie del canto sono aperte:
vengano i fiori e tutte le creature
a sputare sui miei versi; accorrano
alla soglia innominabile che al buio
dal buio accede e sta sventrando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.