da Versi Riversi

Marino Santalucia

 

Marino Santalucia

 

Voglio un corpo assoluto
un’anima, tre tazze
dove frammentare l’inesistente.
Versami un sorriso
in una coppa dal gambo sottile
lo berrò come vino caldo.
Il peso dell’anima
nella corrente del mio corpo
chiuso, senza me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.