Un prodigio

Juan Ruiz

 

Juan Ruiz

 

Tu sei bella e ben fatta, un prodigio
che non avevo meritato
e troppo tardi ho conosciuto.

Chi ti avrà dopo di me,
quando non ci sarò più?
Chi ti darà lo stesso fuoco?
Quale uomo
si piegherà sulla tua carne
e il suo patire,
farà libero il tuo corpo?

Sarà questo il mio cordoglio
per tutti i giorni e gli anni
vissuti senza averti avuta,
per gli anni che mi resteranno
dopo averti perduta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.