Te na vai, ma ti lasci seguire

Juan Ruiz

 

Juan Ruiz

 

No, non avrei speranza se lontano
dal tuo sguardo e sorriso si spegnesse
la piccola luce del mio sguardo,
se non potessi più piegarmi a cercarti
né ferirti né bere alla fonte
delle labbra, se non mi stringessi
tra i ginocchi, se non ti sentissi
più venire con spasimo nel sangue.
E, no, non ci sarebbe più speranza
per me se tu non mi accogliessi
ancora nel tuo grembo e non potessi
più morire e rinascere in te
nel tuo ventre fra i piccoli seni
di donna abbandonata all’amore.
E non potrei, no, non potrei più vivere
senza quel tormento senza quel
fremito di morte quello spasimo di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.