A Dante

Juan Ramón Jiménez

Juan Ramón Jiménez

…Allegro sì, che appena il conscià…
DANTE
Il tuo
sonetto,
come una donna nuda e casta,
accogliendomi sulle sue gambe pure,
mi abbracciò con le sue braccia celestiali.
Sognai, poi,
con lui, con lei.
Era una fontana
con due zampilli ad arco su una prima vasca, che poi li versava,
fini, in altre due…