LA MIA CITTÀ

Ilde Arcelli

Ilde Arcelli

Pronta di pietre
alte in tramontana
———-
(un balzo – quasi – e spazio)
cuore rupestre del vento roditore
e poi lampioni rari
– stelle fanè in vetrina –
e dita d’erbe/d’aria
che sulle case ricamano sudari;
il sole si ricerca nei cortili
sopra il muschio dei pozzi scardinati
tra gente che quieta tesse vita
e pianamente parla – in ironia –
L’anima vecchia della mia città
———-
(confine e verde e vita)
con le sue mura sapide, con gli archi
– ventagli stretti al cielo –
lega l’ossame etrusco ai nostri giochi
———-
(acqua passata per le sue fontane)
e nei vicoli occhiuti di balconi
tra i grilli addormentati sui gerani
le mie corse rubate al primo bacio
Poi tutto vola – sai – ma lei traspare
e di noi vibra, della nostra vita
———-
(le occhiaie della storia, che ferita)