Già per l’aula beata a cento intorno

Giuseppe Parini

Giuseppe Parini

Già per l’aula beata a cento intorno
Dispersi tavolier seggon le dive,
Seggon gli eroi, che dell’Esperia sono
Gloria somma o speranza. Ove di quattro
Un drappel si raccoglie: e dove un altro
Di tre soltanto. Ivi di molti e grandi
Fogli dipinti il tavolier si sparge:
Qui di pochi e di brevi. Altri combatte;
Altri sta sopra a contemplar gli eventi
De la instabil fortuna e i tratti egregi
Del sapere o dell’arte. In fronte a tutti
Grave regna il consiglio: e li circonda
Maestoso silenzio. Erran sul campo
Agevoli ventagli, onde le dame
Cercan ristoro all’agitato spirto
Dopo i miseri casi. Erran sul campo
Lucide tabacchiere. Indi sovente
Un’util rimembranza un pronto avviso
Con le dita si attigne: e spesso volge
I destini del gioco e de la veglia
Un atomo di polve. Ecco sen ugne
La panciuta matrona intorno al labbro
Le calugini adulte: ecco sen ugne
Le nari delicate e un po’ di guancia
La sposa giovinetta. In vano il guardo
D’esperto cavalier, che già su lei
Medita nel suo cor future imprese,
Le domina dall’alto i pregi ascosi:
E in van d’un altro, timidetto ancora,
Il pertinace piè l’estrema punta
Del bel piè le sospigne. Ella non sente
O non vede o non cura. Entro a que’ fogli,
Ch’ella con man sì lieve ordina o turba,
De le pompe muliebri a lei concesse
Or s’agita la sorte. Ivi è raccolto
Il suo cor la sua mente. Amor sorride;
E luogo e tempo a vendicarsi aspetta.