forse una foresta nel sangue

Giuseppe Condorelli

Giuseppe Condorelli

Forse una foresta nel sangue
incisa nella corteccia
coi nomi di tutti
– spore di ossa dilagate
sulla bianca pietra
della curva delle maree.
E la fine sarà indivisibile
per queste cellule
metà parola l’altra freddo
perché non c’è tregua nella morte.
Pulsano intanto i quasar
miliardi di anni fa.
Da:Desinenza in nero(inedita)