Sit-in

Giancarlo Majorino

Giancarlo Majorino

Ma c’era qualcuno, in quella folla di giovani
vibratili e prefiguranti la nuova brughiera,
così usciti dall’ ossessione d’eros, belle e belli,
uniti nel volere e nel recitare la Rivoluzione, ce
è triste scriverlo, c’era qualcuno, io,
che sbirciava cosce seni labbra, pare incredibile