infila una mano nella tua pelle

Gian Maria Annovi

Gian Maria Annovi

infila una mano nella tua pelle
da guaritore filippino
ne sguscia un’incudine
un fascio di grano
il sogno dell’incubo
rovesciato
voleva sanarti delle parole
che vengono dentro come tumori
budella di pollo (forse) di coniglio
Gian Maria Annovi, (Reggio Emilia, 1978), inedito