125 / 370

Gerardo Passannante

Ma un giorno tutto questo finirà,
e smetterò di dedicarti versi,
e le notti non più saranno veglie
sotto il buio totale della tomba.
E solo tu, allora, vanamente,
cercherai questi appunti in cui speravi
per fare i conti con i tuoi ricordi,
per sapere se tra coscienza e sogno
ti regalai un nome che non muore.
Fu il mio solo retaggio non indegno:
quello che, quando tutto sarà spento,
rimarrà a deporre che ai tuoi occhi
fui un’ombra più solida del bronzo,
io, ridonato al nulla onde emersi.