A GABRIELLA

Franco Dionesalvi

Franco Dionesalvi

La terra è silenziosa sotto albe
————
dilaniate da nuovi germogli.
Il diadema della regina di marmo
————
è severo nel suo giudizio sulle
dimenticanze.
Il pesco sereno non conosce
————
l’indolente inseguirsi del vento.
Una cesta di vimini è muta nel sole
————
corteggiata da un cane nessuno.
Muggisce sotto la ruota cigolante
————
la pulce sapiente della staccionata.
Un nuovo sapore di terra
————
sospende il giudizio del chiomato signore.
Non c’è luna non c’è pianeta
————
che non brami nutrirsi delle molecole
della tua pelle.