Dedica

Francesco d'Alessandro

 

Francesco d’Alessandro

 

T’invidio i versi semplici –
più che semplici, chiari – che trovi
nel quotidiano vivere la vita;
e l’estro canoro t’invidio
dei fanelli, da cui m’esclude l’ansia;
ma più ancora t’invidio lo stupore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.