Gazzella del ricordo d’amore

Federico García Lorca

Federico García Lorca

Non portar via il tuo ricordo.
Lascialo solo nel mio cuore,
tremore di bianco ciliegio
nel martirio di gennaio.
Mi separa dai morti
un muro di brutti sogni.
Soffro pene di giglio fresco
per un cuore di gesso.
Tutta la notte nell’orto
i miei occhi come due cani.
Tutta la notte, mangiando
le cotogne di veleno.
A volte il vento
è un tulipano di paura.
È un tulipano malato
l’alba d’inverno.
Un muro di brutti sogni
mi separa dai morti.
L’erba copre in silenzio
la valle grigia del tuo corpo.
Per il tempo dell’incontro
la cicuta sta crescendo.
Ma lascia il tuo ricordo
lascialo solo nel mio petto.