A un’andalusa

Edmondo De Amicis

Edmondo De Amicis

T’ho vista al Circo, bruna maledetta,
E m’hai messo le fibre alla tortura…
Avevi indosso la tua veste oscura
E un giglio al capo e al collo una crocetta
Ed era ogni tuo sguardo una saetta
Ed ogni riso una morsicatura,
E con lasciva e perfida impostura
Stavi al tuo sposo avvitichiata e stretta;
E vedendo piegar sotto i lucenti
Ferri la testa fulminata i tori,
Le nari aprivi e digrignavi i denti;
E fiutavi il sangue sulle arene,
Bruna feroce, e ti fuggía dai pori
L’inferno che ti bolle entro le vene.