Fort Cochin

Daniela Attanasio

Daniela Attanasio

Nell’ora in cui il sole velato va svanendo,
come una stanca cantilena scendiamo verso il mare
e nella fosforescenza dell’acqua cogliamo la posizione delle vele
la curvatura nera delle barche.
Sulla spiaggia -raggruppati come pecore-
i pescatori slacciano le reti in ceste cave, deserte
e i pesci grassi guizzano le loro lame argentate.
Strani legni e strane mercanzie allietano la spiaggia,
così il colore dei panni appesi a un filo
che sembrano stormire come un volo di rondini.
(Ma dove sono le mangrovie? dove vive
questo fiore dal nome invadente così a lungo evocato
come fosse qualcosa di utile da serbare in silenzio?)
Fra questa fascia di sabbia e il cielo umido di pioggia
possiamo solo esistere
-brevemente-
SOTTO IL SOLE

Empirìa, 1998