Uccelli e le luci

Cesare Ruffato

Cesare Ruffato

Sei quasi spettro carenato con ossa
pneumiche tra poco ce la fai a decollare
Icaro fasullo prodotto dell’ingegno
e di colpo il vuoto mi perfora
non ho adipe da perdere 1’ombra lunga
della scabra identità mi intimizza
cogli intellettuali volanti
nell’estro surreale del nuovo regno.
da PRIMA DURANTE DOPO