Spasemanti

Cesare Ruffato

Cesare Ruffato

Da quando el volante m’insende
incapo neí posti batui dai pedoni
qualche sparuta farfala incredula
me rasenta e slissega la mente
de ‘ste moche no se sa più gnente
qualche muceto de parole ciare
pesae forse ciamae lemmi e rare
me dà el naturale ma no le toco
gnanca le scrivo, finta de no saverse,
no le me magna e in busìa veniale
el naso se slonga e m’impinocio.
Da quando il volante mi nausea/mi ritrovo nei luoghi percorsi dai pedoni/qualche farfalla sparuta incredula/mi sfiora e scivola il pensiero/non si sa più niente di queste moine/qualche grumetto di parole chiare/ponderate chiamate lemmi e rare/mi dona il naturale ma non le tocco/nemmeno le scrivo, si fa lo gnorri/non mi divorano e in bugia veniale/il naso si allunga e divento Pinocchio.
da ETICA DECLIVE