Archivi categoria: Trilussa

Er compagno scompagno

Trilussa

Trilussa

Un Gatto, che faceva er socialista
solo a lo scopo d’arivà in un posto,
se stava lavoranno un pollo arosto
ne la cucina d’un capitalista.
Quanno da un finestrino su per aria
s’affacciò un antro Gatto: – Amico mio,
pensa – je disse – che ce sò pur’io
ch’appartengo a la classe proletaria!
Io che conosco bene l’idee tue
sò certo che quer pollo che te magni,
se vengo giù, sarà diviso in due:
mezzo a te, mezzo a me… Semo compagni!
– No, no: – rispose er Gatto senza core
io nun divido gnente cò nessuno:
fo er socialista quanno sto a diggiuno,
ma quanno magno sò conservatore!

Er sorcio de città e er sorcio de campagna

Trilussa

Trilussa

Un Sorcio ricco de la capitale
invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
– Vedrai che bel locale,
vedrai come se magna…
– je disse er Sorcio ricco – Sentirai!
Antro che le caciotte de montagna!
Pasticci dorci, gnocchi,
timballi fatti apposta,
un pranzo co’ li fiocchi! una cuccagna! –
L’intessa sera, er Sorcio de campagna,
ner traversà le sale
intravidde ‘na trappola anniscosta;
– Collega, – disse – cominciamo male:
nun ce sarà pericolo che poi…?
– Macché, nun c’è paura:
– j’arispose l’amico – qui da noi
ce l’hanno messe pe’ cojonatura.
In campagna, capisco, nun se scappa,
ché se piji un pochetto de farina
ciai la tajola pronta che t’acchiappa;
ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
Le trappole so’ fatte pe’ li micchi:
ce vanno drento li sorcetti poveri,
mica ce vanno li sorcetti ricchi!

In pretura

Trilussa

Trilussa

– Alzatevi, accusata: vi chiamate?
– Pia Tonzi.
– Maritata?
– Sissignora.
– Con prole?
– No… con uno che lavora…
– D’anni?
– Ventotto.
– Che mestiere fate?
– Esco la sera verso una cert’ora…
– Già, comprendo benissimo, abbordate…
– Oh, dico, sor pretore, rispettate
l’onorabbilità d’una signora!
– Ma le guardie vi presero al momento
che facevate i segni ad un signore,
scandalizzando tutto il casamento…
– Loro potranno divve quer che vonno:
ma io, su le questioni de l’onore,
fo come li Ministri: nun risponno!

In pizzo ar tetto

Trilussa

Trilussa

In cima in cima ar tetto, indove vanno
a facce er nido tante rondinelle,
ce so’ du’ finestrelle, tutto l’anno
incorniciate dalle campanelle.
In mezzo a ognuna de ‘ste finestrelle,
tra li vasi de fiori che ce stanno,
c’è ‘na furcina co’ le cordicelle
dove c’è sempre steso quarche panno.
Prima, da ‘ste finestre sott’ar tetto,
Nina cantava: Me so’ innammorata…
mentre stenneva quarche fazzoletto.
Ma mò ha cambiato musica e parole;
adesso canta: Ah, tu che m’hai lassata!…
E stenne fasciatori e bavarole.

Il testamento di un albero

Trilussa

Trilussa

Un Albero di un bosco
chiamò gli uccelli e fece testamento:
– Lascio i fiori al mare,
lascio le foglie al vento,
i frutti al sole e poi
tutti i semi a voi.
A voi, poveri uccelli,
perché mi cantavate le canzoni
nella bella stagione.
E voglio che gli sterpi,
quando saranno secchi,
facciano il fuoco per i poverelli.
Però vi avviso che sul mio tronco
c’è un ramo che dev’essere ricordato
alla bontà degli uomini e di Dio.
Perché quel ramo, semplice e modesto,
fu forte e generoso: e lo provò
il giorno che sostenne un uomo onesto
quando ci si impiccò.

Il principe rivoluzionario

Trilussa

Trilussa

parla il cameriere
Quando tiene i discorsi, è vero,
è rivoluzionario, lo ammetto:
ma quando non parla cambia aspetto,
diventa di tutt’altro umore.
È a casa che avviene il cambiamento:
povero me, se manco di rispetto!
o se nel dargli un foglio non lo metto
come vuole lui, nel vassoio d’argento!
Ti basti questo: quando va in campagna
a tenere le conferenze nei comizi
sua moglie la chiama: la compagna.
La compagna? Benissimo: ma allora
perché con le persone di servizio
continua a chiamarla: la mia signora?

Er Porco e er Somaro

Trilussa

Trilussa

Una matina un povero Somaro
Ner vede un Porco amico annà ar macello,
Sbottò in un pianto e disse: – Addio, fratello,
Nun ce vedremo più nun c’è riparo!
– Bisogna esse’ filosofo,bisogna:
– Je disse er Porco – via nun fa’ lo scemo,
Chè forse un giorno ce ritroveremo
In quarche mortatella de Bologna!

Er ministro novo

Trilussa

Trilussa

Guardelo quant’è bello! Dar saluto
pare che sia una vittima e che dica:
– Io veramente nun ciambivo mica;
è stato proprio el Re che l’ha voluto! –
Che faccia tosta, Dio lo benedica!
Mó dà la corpa ar Re, ma s’è saputo
quanto ha intrigato, quanto ha combattuto…
Je n’è costata poca de fatica!
Mó va gonfio, impettito, a panza avanti:
nun pare più, dar modo che cammina,
ch’ha dovuto inchinasse a tanti e tanti…
Inchini e inchini: ha fatto sempre un’arte!
Che novità sarà pe’ quela schina
de sentisse piegà dall’antra parte!

Er leone riconoscente

Trilussa

Trilussa

Ner deserto dell’Africa, un Leone
che j’era entrato un ago drento ar piede,
chiamò un Tenente pè l’operazzione.
– Bravo! – je disse doppo – lo t’aringrazzio:
vedrai che sarò riconoscente
d’avemme libberato da sto strazio;
qual’ é er pensiere tuo? d’ esse promosso?
Embè, s’io posso te darò ‘na mano…
– E in quella notte istessa
mantenne la promessa
più mejo d’un cristiano;
ritornò dar Tenente e disse: – Amico,
la promozzione é certa, e te lo dico
perché me so’ magnato er Capitano.

Er ceco

Trilussa

Trilussa

I
Su l’archetto ar cantone de la piazza,
ar posto der lampione che c’è adesso,
ce stava un Cristo e un Angelo de gesso
che reggeva un lumino in una tazza.
Più c’era un quadro, indove una regazza
veniva libberata da un’ossesso:
ricordo d’un miracolo successo,
sbiadito da la pioggia e da la guazza.
Ma una bella matina er propietario
levò l’archetto e tutto quer che c’era,
pè dallo a Spizzichino l’antiquario.
Er Cristo agnede in Francia, e l’Angeletto
lo prese una signora forestiera
che ce guarnì la cammera da letto.
II
E adesso l’Angeletto fa er gaudente
in una bella cammeretta rosa,
sculetta e ride nella stessa posa
coll’ale aperte, spensieratamente.
Nun vede più la gente bisognosa
che je passava avanti anticamente,
dar vecchio stroppio ar povero pezzente
che je chiedeva sempre quarche cosa!
Nemmanco j’aritorna a la memoria
quer ceco c’ogni giorno, a la stess’ora,
je recitava la giaculatoria:
nemmeno quello! L’Angeletto antico
adesso regge er lume a la signora
e assiste a certe cose che nun dico!
III
Er ceco camminava accosto ar muro
pè nun pijà de petto a le persone,
cercanno cò la punta der bastone
ch’er passo fusse libbero e sicuro.
Nun ce vedeva, poveraccio, eppuro,
quanno sentiva de svortà er cantone
ciancicava la solita orazzione
coll’occhi smorti in quell’archetto scuro.
Perchè, s’aricordava, da cratura
la madre je diceva: – Lì c’è un Cristo,
preghelo sempre e nun avè paura…
E lui, ne li momenti de bisogno,
lo rivedeva, senza avello visto,
come una cosa che riluce in sogno…
IV
Da cinque mesi, ar posto der lumino
che s’accenneva pe’ l’avemmaria,
cianno schiaffato un lume d’osteria
cor trasparente che c’è scritto: Vino.
Ma er ceco crede sempre che ce sia
er Cristo, l’Angeletto e l’artarino,
e ner passà se ferma, fa un inchino,
recita un paternostro e rivà via…
L’ostessa, che spessissimo ce ride,
je vorebbe avvisà che nun c’è gnente,
ma quanno è ar dunque nun se sa decide.
– In fonno, – pensa – quann’un omo prega
Iddio lo pò sentì direttamente
senza guardà la mostra de bottega.