Archivi categoria: Nagy Laszlo

Chi porta l’amore

Nagy Laszlo

 

Nagy Laszlo

 

Se si spegne la mia esistenza,
il violino del grillo chi l’adora?
Sul ramo ghiacciato la fiamma chi la spira?
Sull’arcobaleno chi si adagia?
Chi rende morbido campo la roccia,
piangendo, mentre l’abbraccia?
Le crepe nella mura chi l’accarezza?
E da bestemmie chi alza cattedrale
per fedi sconvolte?
Se si spegne la mia esistenza,
l’avvoltoio chi lo scaccia via?
E sull’altra sponda del fiume
chi lo porta l’amore?

Dio mi da

Nagy Laszlo

 

Nagy Laszlo

 

Dio mi dia fortuna,
amore, mi dia
forno bello caldo,
frumento nel mio staio,
nella mia mano un’altra,
nella lampada la fiamma,
che non debba ancora
andare a letto a quest’ora.
Mi mandi le risposte
a tutte le mie domande,
perchè non crolli la mia fede,
mi dia tanta luce,
al posto di tomba dia vita,
– per me chiedere non è vergogna,
ma anche se non lo chiedo
me lo dia.