Archivi categoria: Luciano Cecchinel

Tema sulla Resistenza

Luciano Cecchinel

a Federico Grava (Deri),
scomparso a Mauthausen
Nel cimitero dove coi nonni “dorme”
– scrivi tu, giovane allieva,-
lo zio partigiano ma sulla sua lapide
caduto per la libertà della patria
e poi solo dei puntini…
chissà quando, dove, forse
trattato peggio di una bestia, lontano
dalla mamma, dai ricordi di bambino.
Per quei puntini tuo zio non è
in quel cimitero.
Fu in un luogo il cui nome era destino.
Sì, peggio di una bestia, lontano
dalla mamma, dai ricordi di bambino.
Ma di più tu ora sei,
sarai segno di lui
di cui non si trovò traccia oltre quel nome.
Tema sulla Resistenza
Federico Grava (Deri), catturato a Milano alla fine di marzo del 1945, fu inviato al campo di sterminio di Mauthausen. A guerra finita di lui non si trovò più traccia.
Alcuni passaggi sono estrapolazioni da un elaborato scolastico della nipote Teresa; il cimitero cui si fa riferimento è quello di Revine.
da Perché ancora

Tóvena via là sote Nàdega

Luciano Cecchinel

Tanti ani indrio su la strada par Tóvena
mi e ’n pore to?at de cro?èra
drioghe le stele via là sora Nàdega,
lumin alti e deboi de zera.
La cantéa sote le siole la jara,
al fret al strendéa fin tel médol,
sote sòn de luna la strada ciara
la paréa na scòrza de brédol.
Fursi era l’ultima sera de l’an
e tórgoi de most dolz e pesa,
ingrumadi te ’n sònc calt fa ’n pastran
se ’ndéa par la strada revèsa
par rame vèce che no le véa màntega
a dir de i concòi dà de fèr
e te ’n pensar fis e scur come rédega
l’ora l’era ’n pon de solèr
e cusì bèla ogni to?a e pò mèstega
dopo, che in tra gatoi de sòn,
su da drio ’l zendre postèrno de Nàdega
se ’ndéa in contra i crep del valon
la ’ndé che era ’l fien biondo de quela
co i òci fa de viole smaride
e che lu l’oléa cior do fa na stela
sote quel’altre incrudelide.
Ma lu l’à catà an poc dopo na stròlega
e mi ò sentist al cor stret de scaje
cusì lontan da le stele de Nàdega,
inzepedì fa ’n pez cuèrt de gaje.
E dès no sò pròprio pi gnanca mi
ndé che ’l sie ’l to?at cet de lora,
fursi a stròz che ’l se reòlta stremì
o che ’l bef mael fa na lora,
fursi che ’l dròn col most calt te la mènt
cròt de fret, de brò?a e de scragna…
e ogni di ’n poc de pi, fa fun tel vènt,
ti pòre nòt, tu te sparpagna
ma su le òlte galive e le stale
de quela nòt tèndra de Tóvena
veja débole tante àgreme dale
da su sora i pra jerti de Nàdega.
da Al tràgol jért

vene perdute

Luciano Cecchinel

di maglie tese è il mio setaccio:
in trasparire rapido,
quasi lampo di ghiaccio,
vi fremono voci e volti di schiuma
prima di ritornare a un alveo torbido
come a un’improvvisa distante bruma
troppo larghe le brecce
per un errore
ammaestrato a un silenzio senza tracce
dal tempo e dal dolore
da Lungo la traccia

Commemorazioni

Luciano Cecchinel

per la morte di mio padre, partigiano
e democristiano
Fra pallide uniformi
entro uno schermo liquido,
rana folgorata in estremi balzi,
il tuo cuore schizzava
per fiotti d’ossigeno, come allora
in fuga da lampi di gelo.
No, non saresti dovuto salire
– e nessuno là a trattenerti –
dietro il sangue residuo delle insegne
verso il sasso del partigiano
bambino, impietrito avanti fuggire
– e nessuno là a trascinarlo -.
Come vento trascorre senza attrito
fogliame in bilico sul ramo,
non tremito di ordini o di armi
avrebbe potuto spingerti più avanti,
come lui afferrato infine
in spasmo sulla china.
Se seguivi il sangue ero con te,
padre, non se salivi per le insegne:
forse tu vi vedevi
il suo ultimo grumo
come il coagulo sul fondo
di bocciolo di calicanto.
Ma lunga aria di tepore
profana il sangue
rappreso puro nell’estremo gelo
e lo confonde
sottile ed ebbra
come lo sfarsi di un profumo.
Giuseppe Cecchinel (Olivieri), che era stato vicecommissario e comandante di battaglione della Brigata Piave, partecipava attivamente alle celebrazioni del 25 aprile ma, in seguito ad un grave infarto subito a 49 anni, non sarebbe più dovuto salire al cippo di Gobbato Antonio (Sernaglia) che si trova sulle prime pendici della montagna di Lago. La moglie usava accompagnarlo a fini di controllo ma, assente lei, nel 1987 egli seguì il drappello dei commemoranti e rimase inchiodato a un centinaio di metri dalla lapide, incapace di fare un passo avanti o indietro. Ridisceso più tardi con l’aiuto dei presenti, il giorno dopo si aggravò e morì in ospedale dopo una settimana di crisi fibrillatorie.
da Perché ancora

de là del sanjut sofegà del stran

Luciano Cecchinel

de là de i càrpen e i rore spauridi
del sas rucià su la lasta slisada
te na onbrìa umida de fià sfinidi
fa qualcheduni che ’l dròn e che ’l sfiada
de là de l’ultimo ciaro del tràgol
del sas rucià su la lasta slisada
fa sanjut de stran patòc fin tel médol
l’è ’n vèrs inrauchì che ’l va e ’l vien e ’l sfiada
na ànema che la ol restar viva
drio ’l sas rucià su la lasta slisada
andé che gnesuni pi romài riva
se no l’é da tant che ’l dròn e che ’l sfiada
par sanjut de stran patòc fi n tel médol
de là de i càrpen e i rore spauridi
de là de l’ultimo ciaro del tràgol
te na onbrìa umida de fià sfinidi

da Sanjut de stran (Singhiozzi di strame)

Débol l’é ’l parfun

Luciano Cecchinel

Débol l’é ’l parfun de la rò?a salvàrega
– la lo cuna fursi l’aria del bòsc –
che sol le sgnare che ’l jaz l’à secà
pol sentir.
Sutil fa i so aghi al saor
de la baleta blu del denéver
– al la à inzucherada ’l nef de la nòt –
che solche i dènt che la fan la à ligà
pol sajar.
Mone?in al fiòc del su?inèr
– al fa gate zigagno,
pedin balerin del ciaro vivo –
che sol i det che la fadiga freda à rostì
pol proar.
Fin l’è ’l nef ingelà
– al lo leva sote ’l zelèste ’l pra alt,
color de ale sdefade tel sol –
che sol i òci che ’l scur l’à inorbì
i pol véder.
Lidier al susuro del fastuc in tel vènt
– imiserì ’l trema tel velo del sol –
che sol le reje che la sòn la à cetà
pol scoltar.
da Al tràgol jért

dentro una piccola luce

Luciano Cecchinel

per la sera immensa del Midwest
dentro una piccola luce,
stanca incerta stella,
il padre, la madre e sottovoce
il loro minutò sì,
la bambina che saltella
attorno alla mensa pronta
e, esile uccello imitatore, canta
yes daddy, yes ma…
lei, pegno di suoni ignari
come la bandiera dai nuovi colori
nella casa dove il sì
si spegne per la sua dolce voce
– yes daddy, yes ma –
come la piccola luce
che ormai sfila, incerta stella,
si perde nel buio, nel nulla
della notte immensa del Midwest
Luciano Cecchinel (Revine-Lago, 1947), da Lungo la traccia (Einaudi 2005)

fa na maladizion ùltima

Luciano Cecchinel

parlar cròt de na òlta,
mi segur te ò fat dir
tel me ingardizar mat
anca quel che no tu aràe olest,
no tu aràe dovest dir
co me à cognest
te ò fi orì fa ’n su?inèr,
te ò recamà fa ’n sial bof de casia:
ma ti cente, co i to color
e i to parfun insunadi,
tuti i to spin, i to spuntic
e se pò te ò anca tordest
fa na saca par al sagrilèjo ùltimo,
farte dir la to mòrt,
ti reòltete su i me làveri
col vìscol del to èser
tut sbrauro?o e descuèrt…
o, fa na maladizion ùltima,
àseme mut senza de ti
co la braura s-cèta
de chi che
pitòst de domarse ’l se crèpa
da Sanjut de stran (Singhiozzi di strame)

febbre

Luciano Cecchinel

dal pulsare di un’oscurità roca
rinvieni, febbre, alla perduta traccia:
con la tua lanterna fosca, ubriaca
di vagolante conestoga, sbircia
fra i fluidi diciottoruote d’America
per una vecchia strada dietro la Grande Via
e tu qui, nuovo tempo di pattuglia,
non agitarmi in faccia la tua torcia,
non fissarmi fino al tuo occhio strabico,
sono solo un sonnambulo forastico
sulla traccia di un mio, di un tuo passato
come di un erratico dollaro scaduto

da Lungo la traccia