Archivi categoria: Clemente di Leo

Note di bordo

Clemente di Leo

Clemente di Leo

La situazione di bordo è rischiosa.
La bussola segnala tutti i punti,nessuno.
Oggi approdo.
Il mio occhio ha la suggestione dei mari.
Si meravigliano che mi dico principe
sedendo in una poltrona non mia.
E’ il prezzo che valuto la terra.
Trovo scritto nel mio libro maestro:
“ho pronta una sputata per tutti.
Ognuno mi saluta sorridendo”
Sono un ragazzo e diecimila folletti.
Mi si rimprovera la pazienza del vetraio.
Mi escono bottiglie quando voglio damigiane.
Al timone ho messo un pagliaccio di fiori.
Il mare, il mare sotto, galoppa.
Per me la vita è una scorpacciata di pesche.
Per i più la vita è coltivazione.

Notte abbracciami

Clemente di Leo

Clemente di Leo

Notte abbracciami
tagliami la testa.
Ci ho un putrido elefante
un carro di burattini
che sbandierano l’annuncio
“parlare al vento è da stupidi”
Avvolgimi serena
nel tuo lenzuolo.
Benchè sappia il sistema
come è fatta la struttura
ti prego di bluffarmi.
Voglio sbattere la faccia
nell’acqua dei pantani,
avvoltolarmi per terra
come un asino aggredito
dalle vespe, e ridere.
Questa cretina di luna
si fa bella nei miei occhi;
non si vergogna di esistere
perchè è senza cervello.

Poesia

Clemente di Leo

Clemente di Leo

Poesia, ti ho in mano come una mela marcia
ma se ti lancio, brilli come una cometa.
Averti addosso è come una lunga puzza
ma se ti dico “Su, entriamo anche
tu ti fai una grande signora
ed io un cavallo odoroso.
Suggestione del presentatore!
Noi in una sala pulita
non abbiamo niente da fare.

Sul tuo grugno

Clemente di Leo

Clemente di Leo

Sul tuo grugno, mio porco
s’infrange la lontananza delle stelle
l’infinità della linea retta.
Seduto nella mangiatoia
soffice d’erba medica
ti metto i piedi dondolanti sul dorso
godendomi la canzone
che tu soffi nel truogolo.
Succhia e canta!
Io intanto allungo il braccio
rubo le mele dalla tazza dei conigli
me le mangio e ti butto i torsi.
Caro, è una felicità essere animali così
senza il chiodo dei colori nella testa
senza la porta della tour Eiffel
che sprofonda davanti un vuoto
di notte e di astri.
E ho ricominciato questo discorso da ergastolani.
Porco, tu mangi, io mangio e parlo.
Non sono genuino come te
mi fece una pasta gommosa avida di attacchi
e qui c’è poco da attaccare
se non i venti
le cattedrali rosso-oro delle nuvole.
Insomma un decifit di malformazione
una bolla di sapone scordata nella carne
caro mio maiale, ci separa.