Archivi categoria: Antonio de Curtis (Totò)

Balcune e llogge

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

Comme a na reggia, ricca e capricciosa,
ammubbigliaie sta casa ‘e tutt’ ‘e ccose
che saccio che piacevano a sta sposa,
balcune e llogge carrecate ‘e rose;
‘ncoppa ‘o buffè cunfiette e sciure ‘e sposa,
Ch’addore ‘e sciure ‘arancio pe sta casa!
Sta casa c’addurava ‘e mille rose,
che festa dinto a ll’aria s’era spasa!
Balcune e llogge carrecate ‘e rose.
Mo sò rimasto sulo into a sta casa;
mme guardo attuorno e veco tutt’ ‘e ccose,
ma ‘a sposa nun ce stà stà fore casa.
È morta… Se n’ è ghiuta ‘mparaviso!
Pecchè nun porto ‘o llutto? – Nun è cosa,-
rispongo ‘a ggente e faccio ‘o pizzo a rriso,
ma dinto ‘o core è tutto n’ata cosa!

Bianchina

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

Io stongo ‘e casa a ‘o vico Paraviso
tengo tre stanze all’urdemo piano,
int’ ‘a stagione, maneche e ‘ncammisa,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
mme metto for’ ‘a loggia a respirà .
Aiere ssera, quase a vintun’ora,
mentre facevo ‘a solita fumata,
quanno mme sento areto nu rummore:
nu fuja-fuja… na specie ‘e secutata…
Mm’avoto ‘e scatto e faccio: “Chi va là ?”.
Appizzo ll’uocchio e veco ‘a dint’ ‘o scuro
Bianchina, ferma ‘nnanze a nu pertuso
‘e chesta posta! Proprio sott’ ‘o muro.
Ma dato ch’era oscuro… era confuso,
non si vedeva la profondità .
St’appustamento ca faceva ‘a gatta,
a ddì la verità , mme ‘ncuriosette…
Penzaie:”Ccà nun mme pare buono ‘o fatto:
e si Bianchina ‘e puzo nce ne mette,
vuol dire qualche cosa nce adda stà “.
E, comme infatti, nun m’ero sbagliato:
dentro al pertuso c’era un suricillo
cu ll’uocchie ‘a fore… tutto spaventato,
…’o puveriello nun era tranquillo,
pensava: Nun m’ ‘a pozzo scapputtià .
Tutto a nu tratto ‘o sorice parlaie
cu na parlata in italiano puro:
“Bianchina, ma perchè con me ce l’hai?
Smettila, via, non farmi più paura!”.
Dicette ‘a gatta: “I’ nun mme movo ‘a ccà !”.
“Pietà , pietà , pietà ! Che cosa ho fatto?”.
E s’avutaie ‘e botto ‘a parte mia:
«Signore, per piacere, dica al suo gatto
che mi lasciasse in pace e così sia!”.
“Va bene, va’, Bianchì … lascelo stà !”.
“Patrò , trasitevenne ‘a parte ‘e dinto,
che rispunnite a ffà mmiezzo a sti fatte?
Stu suricillo ca fa ‘o lindo e pinto,
mme ll’aggia spiccià io ca songo ‘a gatta,
si no ccà ‘ncoppa che ce stongo a ffà ?”.
“Va bene, – rispunnette ‘mbarazzato –
veditavella vuie sta questione,
però ccà ‘ncoppa nun voglio scenate;
e ricordate ca songh’io ‘o padrone
e si rispetta l’ospitalità “.
“E inutile che staje dint’ ‘o pertuso,
-‘a gatta lle dicette – chesta è ‘a fine…
Si cride ‘e te scanzà , povero illuso!
He fatto ‘o cunto ma senza Bianchina…
Songo decisa e nun mme movo ‘a ccà !”.
“Pietà di me! Pietà , Bianchina bella!”.
Chiagneva e ‘mpietto lle tremava ‘a voce,
cosa ca te faceva arriccià ‘a pella.
Povero suricillo, miso ‘ncroce
senza speranza ‘e se pute salvà !
“Va buo’, pe chesta vota, ‘izela ‘a mano,
cerca d’ ‘o fà fui stu suricillo,
chello ca staje facenno nun à umano,
te miette ‘ncuollo a chi à cchiù piccerillo…
Embe, che songo chesti nnuvità ?”.
“‘0 munno è ghiuto sempe ‘e sta manera:
‘o pesce gruosso magna ‘o piccerillo
(mme rispunnette ‘a gatta aiere ssera).
Pur’io aggio perduto nu mucillo
mmocca a nu cane ‘e presa; ch’aggia fà ?”.
“Ma cosa c’entro io con quel cagnaccio!
Anch’io ho una mammina che mi aspetta:
Gesù Bambino, più non ce la faccio!
Nella mia tana vo’ tornare in fretta;
se non mi vede mamma mia morrà “»
‘0 suricillo già vedeva ‘a morte
e accumminciaie a chiagnere a dirotto,
‘o core lle sbatteva forte forte,
e p’ ‘a paura se facette sotto.
Mm’avoto e faccio ‘a gatta: “Frusta llà !”.
‘A gatta se facette na resata,
dicette: “E se po’ iate int’ ‘a cucina
e truvate ‘o formaggio rusecato,
pecché po’ v’ ‘a pigliate cu Bianchina?
Chisto è ‘o duvere mio… chesto aggia fà !”.
In fondo in fondo, ‘a gatta raggiunava:
si mm’ ‘a tenevo in casa era p’ ‘o scopo;
dicimmo ‘a verità , chi s’ ‘a pigliava
si me teneva ‘a casa chiena ‘e topi?
Chiaie ‘e spalle e mme jette a cuccà !

A cuscienza

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

Tengo nu cane e caccia
bello assaje,
fedele sulo a me
comm’ a tutt’ ‘e cani.
ma nu difetto ‘o tene mberità
quann’ i auciello sparo,
me guarda cunfuso
e nun ‘o và piglià.
stu fatto è poco chiaro,
-ma sì o nun sì nu cane e caccia ?
ca ‘e sorde ca me cuoste
putisse pure tenè nu poco e cuscienza!-
“nu me fà ridere”
rispunnette ‘o cane,
ca pe nu momento
chi sà comme parlaje.
“tu me parli e cuscienza,
ma saje ‘o signifecato e sta parola?
già nun ‘o può sapè! tu l’aje perza
quanno aje accattato stu ribbotto.”

A livella

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

Ogn’anno, il due novembre, c’è l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fa’ chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con i fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza
St’anno m’è capitata ‘n’avventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna), si ce penzo, che paura!
ma po’ facette un’anema ‘e curaggio.
‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’ ‘a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.
“QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L’11 MAGGIO DEL ’31.”
‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
… sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.
Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce steva n’ata tomba piccerella
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, solamente ‘na crucella.
E ncoppa ‘a croce appena si liggeva:
“ESPOSITO GENNARO NETTURBINO”.
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!
Questa è la vita! ‘Ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pure all’atu munno era pezzente?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’ rummanette ‘chiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.
Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje; stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato … dormo, o è fantasia?
Ate che’ fantasia; era ‘o Marchese:
c’ ‘o tubbo, ‘a caramella e c’ ‘o pastrano;
chill’ato appriesso’ a isso un brutto arnese:
tutto fetente e cu ‘na scopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro…
‘o muorto puveriello… ‘o scupatore.
‘Int’ a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se retireno a chest’ora?
Putevano stà ‘a me quase ‘nu palmo,
quando ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e, tomo tomo… calmo calmo,
dicette a don Gennaro: “Giovanotto!
Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato?!
La casta e casta e va, si, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!
Ancora oltre sopportar non posso
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”.
“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’ nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie b stata a ffa’ sta fessaria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto’?
Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse,
e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa.”
“E cosa aspetti, oh turpe macreato,
che 1’ira mia raggiunga 1’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei gih dato piglio alla violenza!”
“Famne vedé… piglia sta violenza…
‘A verità, Marché’, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so’ mazzate!…
Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuò capì, ca simmo eguale?…
… Morto si’ tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘n’ato è tale e qquale.”
“Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”
“Tu qua’ Natale … Pasca e Ppifania!!
f T’ ‘o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’ ‘a cervella
che staje malato ancora ‘e fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched’e”…. e una livella.
‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’ ‘o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme
tu nun t’he fatto ancora chistu cunto?
Perciò, stamme a ssenti… nun fa’ ‘o restivo,
suppuorteme vicino – che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo â morte!”

A ‘mmasciata

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

Nu caro amico dice a n’ato amico:
– Pe mezza toja me songo appiccecato.
Tu vuò sapè cu cchi?
No, nun t’ ‘o ddico.
Statte tranquillo, l’aggio sistemato.
Afforza ‘o vvuò sapè? E mo t’ ‘o ddico,
ma tu nun ‘o cunusce, è n’imbecille.
Na vota s’ ‘a faceva int’ a stu vico,
mo pare ca sta ‘e casa a Via dei Mille.
Ch’ha ditto? Niente… L’aggio sistemato.
Mo nun s’azzarda cchiù a fà ‘o fetente.
Ha ditto ca tu si nu disgraziato;
ma nun ‘o dà importanza, è n’ommo ‘e niente.
E ch’ato ha ditto? ‘E solde nun se fanno
onestamente senza n’espediente,
si ‘a ggente parla, ride, è pecchè sanno
comme te l’he accattata ‘a milleciento…
Che ssaccio, ca mugliereta ch’ha fatto,
ca tu te stive zitto, ire cuntento,
ca te ‘mparaste pure a ffà ‘o distratto
e doppo t’accattaste appartamento.
Sentenno sti parole, tu mme saje,
‘o sango a parte a capa m’è sagliuto:
Che faccio? Accido a chisto… ‘o passo ‘o guaio…
Sentenno ‘e di ca si pure curnuto,
nun ce aggio visto cchiù: l’aggio ‘nchiantato
senza le dà nemmanco ‘a bonasera.
Sta lezione se l’ha mmeretata,
‘nfaccia a sti ccose io songo assaje severo!
Aprite ll’uocchie si n’amico vuosto
ve vene a raccuntà ca v’ha difeso
‘a quacche malalengua: è stu cagliostro
ca isso stesso ve vò fà l’offesa.
E quante nce ne stanno ‘e chiste amice
ca songo “cari amici”… e nun è overo.
Guardatele int’ ‘a ll’uocchie… sò felice
quanno fanno vedè ca sò sincere.
‘A nonna mia, vicchiarella e saggia,
diceva sempe: – Nce sta ‘o ditto antico:
Chi ‘mmasciata te porta, vance adagio,
ca ‘ngiuria te vò; fà; … e nun è amico. –

A mundana

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

“Cammina, su, non fare resistenza!”
diceva ‘o brigadiere, e ‘a strascenava.
“Sta storia adda fernì,è un’indecenza!”.
“Chi sa c’ha fatto”- ‘a ggente se spiava.
“C’ha fatto?” – rispunnette nu signore.
E’ na povera ddia… è na mundana”.
“E ‘a porteno accussì?Gesù, che core!”
murmuliaie Nannina ” ‘a parulana “.
“Lassateme… nun aggio fatto niente!”.
“E lass’ ‘a jì – dicette nu cucchiere –
ma vuie ‘e vvedite quanto sò fetiente?”.
“Nce vò nu core a ffà chillu mestiere”.
“Sta purtanno ‘o brigante Musolino-
se mettette alluccà Peppe ” ‘o Fravaglia” –
Si ‘o ssape ll’onorevole Merlini
‘o fa ‘a proposta p’ ‘o fà avè ‘a medaglia”.
Quase ogne ghiuorno, ‘a povera figliola
approfittava ca na caruzzella
a Nnapule scenneva d’Afragola
pe nu passaggio fino ‘a Ruanella.
‘0 nomme?Nun ‘o saccio.
Saccio sulo ca ‘e ccumpagne
‘a chiammaveno ” ‘A pezzente”.
Pe sparagnà, ‘a sera, dduie fasule,
e, spisse vote, nun magnava niente!
Cu chelle ppoche lire ch’abbuscava
aveva mantenè tutta ‘a famiglia;
e quanno ‘e vvote po’… nun aizava,
steva diuno ‘o pate, ‘a mamma e ‘o figlio.
‘0 pate, viecchio, ciunco… into a nu lietto
senza lenzole, cu na cupertella.
E ‘a mamma ca campava pe dispietto
d’ ‘a morte e d’ ‘a miseria.
Puverella! A piede o lietto, dinto a nu spurtone,
na criatura janca e malaticcia,
pe pazziella ‘nmano nu scarpone
e na tozzola ‘e pane sereticcio.
Nun appena fuie ‘ncoppa ‘a Sezione,
se mettette alluccà comme a na pazza.
‘E strille se sentivano a ‘o puntone.
“Ch’ è stato, neh? Ched’ è chisto schiamazzo?
Avanti, fate entrà sta… Capinera”-
dicette ‘o Cummissario a nu piantone.
E ‘o milite, cu grazia e cu maniera,
‘a votta dinto cu nu sbuttulone.
“Ah! Sì tu? – dicette ‘o funzionario-
Si nun mme sbaglio, tu si recidiva?
Si cunusciuta cca a Muntecalvario.
Addò t’hanno acchiappata, neh, addò stive?”.
“All’angolo d’ ‘o vico ‘a Speranzella.
Steve parlanno cu nu marenaro,
quanno veco ‘e passà na carruzzella
Cu dinto don Ciccillo ‘o farenaro.
Don Ciccio fa nu segno: “Fuitenne!
Curre ca sta passando ‘o pattuglione”.
I’ dico a ‘o marenaro: “Iatevenne.
Stu brigadiere ‘o saccio… è nu ‘nfamone”
.”A legge è legge – dice ‘o cavaliere
Nun aggio che te fà, ragazza mia.
I’ te cunziglio: lassa stu mestiere,
e lievete pe sempe ‘a miezo ‘a via”.
“E che mme metto a ffà, signore bello,
‘a sarta, ‘a lavannara, ‘a panettera?
Spisso mm’ ‘o sento chistu riturnello”
.”E truovete nu posto ‘e cammarera!”.
“Signò, dicite overo opuro apposta?
Vulite pazzià? E nun è umano.
V’ ‘a mettisseve dinto ‘a casa vosta
chi… pe disgrazia ha avuta fà ‘a puttana?!”.

A passiona mia erano ‘e rrose…

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

‘A passiona mia erano ‘e rrose,
sultanto ‘e rrose rosse.
Stu sciore m’era amico…
stu sciore me diceva tanti ccose,
ma nun m’ha ditto maje
ca steve n’atu sciore comm’a tte.
Forse pe ggelusia:
penzanne ca vedennete
i’ mme scurdavo d’essa,
mm’annammuravo ‘e te.
E comme infatti è overo, accussì è stato:
appena t’aggio vista, me songo ‘nnammurato!
E mmò pe tutt’ ‘a vita,
‘nfilato int’ all’occhiello d’ ‘a giacchetta
porto sempe cu mme… na margarita!