Archivi categoria: Alessandro Fo

al Figlio (non lontano da Ostia)

Alessandro Fo

Alessandro Fo

Nella casa in cui vivevo, adesso,
scuotendo per i passeri
la tovaglia in balcone,
l’aria sarà grida di bambini
all’uscita da scuola.
Là in alto era l’amore, all’ombra
di una storia famosa, la cui tempra
già toccava progetti di bambini.
Dal terrazzo si poteva ascendere,
volendo, fino a Dio,
se non come Agostino,
gettandosi lo stesso
oltre i dubbi in un salto
verso la luna, verso l’Orsa Maggiore,
magari, come da ragazzo, alla Fosbury.
Però
nulla è mai davvero come sembra,
ma almeno sette volte più complesso.
Da Alessandro Fo, Mancanze, Einaudi 2014

Poesia n. 295 Luglio/Agosto 2014
Alessandro Fo. Una “metafisica dolcezza”
a cura di Anna De Simone





Angelo Pesciolino

Alessandro Fo

Alessandro Fo

Le volò il palloncino
fatto a coniglio blu.
Prendilo, mamma, presto
che lassù
troverà tuoni fulmini e tempeste
avrà freddo e paura
senza di me, e non ci vedremo più.
Alessandro Fo (Legnano, 1955), da Mancanze (Einaudi, 2014)