Si ferma il sesso spirando

Carlos Drummond de Andrade

 

Carlos Drummond de Andrade

 

Si ferma il sesso spirando, io mi giro, spirante.
Fonte della mia vita, in te m’avvolgo e affondo.
Amore, amore, amore – il braciere raggiante
che mi dà, con l’orgasmo, la spiegazione del mondo.

Povera carne senile, che vibra insoddisfatta,
la mia si ribella alla morte annunciata.
Voglio ancora invadere quell’angusto anfratto
dove il maggior diletto mi propizia l’amata.

Domani, mai più. Oggi stesso, forse,
mi si congela il nervo, mi svanisce il piacere
prima che, deliziosa, cessi l’esplorazione.

L’orgasmo dunque coroni l’ora della mia fine
e possa io partire, l’essere nella pienezza,
imperlando di seme l’eremo irreparabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.