Le fasi della luna

Biancamaria Frabotta

Biancamaria Frabotta

Trapela, nella camera oscura
come l’intelligenza nel cuore.
Illecita, ingannevolmente stanziale.
Chinata sulla sua metà in ombra
sul fianco di una panca
la faccia girata a non guardarsi
in un confuso abbracciarsi di gambe
come fosse questa l’ultima notte
per dormire insieme
non il mio sonno senza sollievo
ma il nostro che non ha rimorso.
Biancamaria Frabotta (Roma, 1946), daDa mani mortali (Mondadori, 2012)