Antonis Fostieris Soltanto la natura

Antonis Fostieris

Antonis Fostieris

Lunghe, lunghe giornate.
Il sangue implacato urta il sangue.
Il nuotatore è cieco.
Scende attraverso piani purpurei
nel battito del tuo cuore.
Quando la nuca è tesa
Il grido sempre deserto invade
una bocca pura.
Cosí invecchia l’estate. Cosí la morte
Circonda la felicità della fiamma
che trema.
E noi dormiamo un poco. La nota si
Risuona a lungo nella stoffa rossa.
Traduzione di Fabio Scotto

Il plenilunio

Antonis Fostieris

Antonis Fostieris

Niente, non aspetto piú niente da te, cielo,
Dovunque mi aggrappi cado con fragore
Dal tuo tetto d’aria colmo di conchiglie
Dal mazzo arrugginito delle tue stelle;
Una luna spropositata sorge in me
S’ingrossa minacciosa sui miei crinali
Sorgerà un plenilunio a frantumarmi.
Traduzione di Nicola Crocetti

Antonis Fostieris
Nostalgia del presente
traduzione di Nicola Crocetti
introduzione di Massimo Cazzulo
Crocetti Editore 2000