Il silenzio è luce

Alejandra Pizarnik

Alejandra Pizarnik

Il silenzio è luce
il canto sapiente dell’infelicità
emana un tempo primitivo:
io cercavo la pietra e non il pane
un inno innocente e non le maledizioni,
la conoscenza dei miei nomi
per dimenticarli e dimenticarmi;
però quello che non cercai è l’esilio
e neppure mi raccontai bugie
non adorai il sole
ma non mi aspettavo questa luce nera
al filo del mezzogiorno

La notte

Alejandra Pizarnik

Alejandra Pizarnik

Il cacciatore insegue da tempo le orme
del più puro ermellino, ma per quante reti
gli tenda, il nobile animale le evita furbo
e tanto più lieto saltella per la campagna.
Ma una spina lo scalfisce e si forma
una chiazza di sangue che lava
nella chiara fonte vicina ed ecco ora
arriva furtivo il nemico a freddare l’animo.

Lamento

Alejandra Pizarnik

Alejandra Pizarnik

l’immagine dell’amore
rende come abisso termini empi;
non piangerai per l’eternità
se non per un bimbo che piange
tra nere rocce
– il coro degli affogati –
tempestosa certezza di malinconia;
io soltanto guardo il nostro re invariabile
come nostro ardente immutabile
ed un bimbo smette di respirare,
ed una nave affonda
io guardo il cielo
io ascolto il silenzio taciuto