Bianchina

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

Io stongo ‘e casa a ‘o vico Paraviso
tengo tre stanze all’urdemo piano,
int’ ‘a stagione, maneche e ‘ncammisa,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
mme metto for’ ‘a loggia a respirà .
Aiere ssera, quase a vintun’ora,
mentre facevo ‘a solita fumata,
quanno mme sento areto nu rummore:
nu fuja-fuja… na specie ‘e secutata…
Mm’avoto ‘e scatto e faccio: “Chi va là ?”.
Appizzo ll’uocchio e veco ‘a dint’ ‘o scuro
Bianchina, ferma ‘nnanze a nu pertuso
‘e chesta posta! Proprio sott’ ‘o muro.
Ma dato ch’era oscuro… era confuso,
non si vedeva la profondità .
St’appustamento ca faceva ‘a gatta,
a ddì la verità , mme ‘ncuriosette…
Penzaie:”Ccà nun mme pare buono ‘o fatto:
e si Bianchina ‘e puzo nce ne mette,
vuol dire qualche cosa nce adda stà “.
E, comme infatti, nun m’ero sbagliato:
dentro al pertuso c’era un suricillo
cu ll’uocchie ‘a fore… tutto spaventato,
…’o puveriello nun era tranquillo,
pensava: Nun m’ ‘a pozzo scapputtià .
Tutto a nu tratto ‘o sorice parlaie
cu na parlata in italiano puro:
“Bianchina, ma perchè con me ce l’hai?
Smettila, via, non farmi più paura!”.
Dicette ‘a gatta: “I’ nun mme movo ‘a ccà !”.
“Pietà , pietà , pietà ! Che cosa ho fatto?”.
E s’avutaie ‘e botto ‘a parte mia:
«Signore, per piacere, dica al suo gatto
che mi lasciasse in pace e così sia!”.
“Va bene, va’, Bianchì … lascelo stà !”.
“Patrò , trasitevenne ‘a parte ‘e dinto,
che rispunnite a ffà mmiezzo a sti fatte?
Stu suricillo ca fa ‘o lindo e pinto,
mme ll’aggia spiccià io ca songo ‘a gatta,
si no ccà ‘ncoppa che ce stongo a ffà ?”.
“Va bene, – rispunnette ‘mbarazzato –
veditavella vuie sta questione,
però ccà ‘ncoppa nun voglio scenate;
e ricordate ca songh’io ‘o padrone
e si rispetta l’ospitalità “.
“E inutile che staje dint’ ‘o pertuso,
-‘a gatta lle dicette – chesta è ‘a fine…
Si cride ‘e te scanzà , povero illuso!
He fatto ‘o cunto ma senza Bianchina…
Songo decisa e nun mme movo ‘a ccà !”.
“Pietà di me! Pietà , Bianchina bella!”.
Chiagneva e ‘mpietto lle tremava ‘a voce,
cosa ca te faceva arriccià ‘a pella.
Povero suricillo, miso ‘ncroce
senza speranza ‘e se pute salvà !
“Va buo’, pe chesta vota, ‘izela ‘a mano,
cerca d’ ‘o fà fui stu suricillo,
chello ca staje facenno nun à umano,
te miette ‘ncuollo a chi à cchiù piccerillo…
Embe, che songo chesti nnuvità ?”.
“‘0 munno è ghiuto sempe ‘e sta manera:
‘o pesce gruosso magna ‘o piccerillo
(mme rispunnette ‘a gatta aiere ssera).
Pur’io aggio perduto nu mucillo
mmocca a nu cane ‘e presa; ch’aggia fà ?”.
“Ma cosa c’entro io con quel cagnaccio!
Anch’io ho una mammina che mi aspetta:
Gesù Bambino, più non ce la faccio!
Nella mia tana vo’ tornare in fretta;
se non mi vede mamma mia morrà “»
‘0 suricillo già vedeva ‘a morte
e accumminciaie a chiagnere a dirotto,
‘o core lle sbatteva forte forte,
e p’ ‘a paura se facette sotto.
Mm’avoto e faccio ‘a gatta: “Frusta llà !”.
‘A gatta se facette na resata,
dicette: “E se po’ iate int’ ‘a cucina
e truvate ‘o formaggio rusecato,
pecché po’ v’ ‘a pigliate cu Bianchina?
Chisto è ‘o duvere mio… chesto aggia fà !”.
In fondo in fondo, ‘a gatta raggiunava:
si mm’ ‘a tenevo in casa era p’ ‘o scopo;
dicimmo ‘a verità , chi s’ ‘a pigliava
si me teneva ‘a casa chiena ‘e topi?
Chiaie ‘e spalle e mme jette a cuccà !