A ‘mmasciata

Antonio de Curtis (Totò)

Antonio de Curtis (Totò)

Nu caro amico dice a n’ato amico:
– Pe mezza toja me songo appiccecato.
Tu vuò sapè cu cchi?
No, nun t’ ‘o ddico.
Statte tranquillo, l’aggio sistemato.
Afforza ‘o vvuò sapè? E mo t’ ‘o ddico,
ma tu nun ‘o cunusce, è n’imbecille.
Na vota s’ ‘a faceva int’ a stu vico,
mo pare ca sta ‘e casa a Via dei Mille.
Ch’ha ditto? Niente… L’aggio sistemato.
Mo nun s’azzarda cchiù a fà ‘o fetente.
Ha ditto ca tu si nu disgraziato;
ma nun ‘o dà importanza, è n’ommo ‘e niente.
E ch’ato ha ditto? ‘E solde nun se fanno
onestamente senza n’espediente,
si ‘a ggente parla, ride, è pecchè sanno
comme te l’he accattata ‘a milleciento…
Che ssaccio, ca mugliereta ch’ha fatto,
ca tu te stive zitto, ire cuntento,
ca te ‘mparaste pure a ffà ‘o distratto
e doppo t’accattaste appartamento.
Sentenno sti parole, tu mme saje,
‘o sango a parte a capa m’è sagliuto:
Che faccio? Accido a chisto… ‘o passo ‘o guaio…
Sentenno ‘e di ca si pure curnuto,
nun ce aggio visto cchiù: l’aggio ‘nchiantato
senza le dà nemmanco ‘a bonasera.
Sta lezione se l’ha mmeretata,
‘nfaccia a sti ccose io songo assaje severo!
Aprite ll’uocchie si n’amico vuosto
ve vene a raccuntà ca v’ha difeso
‘a quacche malalengua: è stu cagliostro
ca isso stesso ve vò fà l’offesa.
E quante nce ne stanno ‘e chiste amice
ca songo “cari amici”… e nun è overo.
Guardatele int’ ‘a ll’uocchie… sò felice
quanno fanno vedè ca sò sincere.
‘A nonna mia, vicchiarella e saggia,
diceva sempe: – Nce sta ‘o ditto antico:
Chi ‘mmasciata te porta, vance adagio,
ca ‘ngiuria te vò; fà; … e nun è amico. –