Il moi giardino dei supplizi

Ana Rossetti

 

Ana Rossetti

 

Nel giardino segreto, sotto l’albero,
lentamente, molto lentamente, slegasti le mie trecce
e dopo, impetuoso, perché io sentii freddo
ed ostinata mi negavo, strappasti i miei vestiti.
Con un cordiglio di lungo rampicante
l’opaca organza che serviva da copriletto
alla culla comune, esperto mi cingesti.
Nella silenziosa ora, molto lontano dai genitori,
con succo di gerani la bocca mi tingevi
e braccialetti vegetali nelle mie esili caviglie
si attorcigliarono.
Ballai furiosamente.
Quale alone dietro di me rigonfiò la tunica,
intorno a te crescevano i cerchi dei miei segni.
Io, diversa tanagra, evasivo alloro
e tu quieto. Perfettamente quieto.
salvo il braccio con cui mi flagellavi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.