Stanotte ho sognato l’amore

Alda Merini

Alda Merini

Stanotte ho sognato l’amore
era tenero come voi e senza carne,
ma il suo respiro ha colmato le mie notti
di disperazione e di canto.
Così è la vostra mano che carezza gli umili
e li fa silenziosi come coloro che pur soffrendo
non riescono ancora a morire.
Ma che cos’è la morte
se non un grande albero pieno di canto?
Io ho sognato un uomo
ma quest’uomo era tutto modellato da Dio.
Una parte di quest’uomo era nella vostra bocca.
E tutti gli uomini sono stati amati e divorati dagli angeli
nel loro immenso amore.