Sogno

Alda Merini

Alda Merini

Lungo il tempo infinito della Grecia
quando concesso era il paradiso
alle fanciulle in tèpidi giardini
e le vestali avevano corolle
sempre accese nel grembo,
tu vivevi di già poi che veduta
t’ho nel sonno e vagante, sconcertata
urgevi già alle porte dell’amore
senza averne risposta. Ira conclusa
musica folle inetta alle fatiche
della Grecia gaudente e pur ben salda
dentro la luce enorme che ti tiene.
Sempre, Violetta, il tempo ti oscurava
dentro quella mordente nostalgia
di cose pure, nate dal pensiero
purificate al vivo nel dolore…
E sempre sola, come una puledra
di sceltissima razza, pascolando
riluttante le biade degli umani
ardi d’amore come un giglio chiuso…