Lettere d’amore

Alda Merini

Alda Merini

Rivedo le tue lettere d’amore
illuminata adesso dal distacco
senza quasi rancore:
l’illusione era forte a sostenerci
ci reggevamo entrambi negli abbracci
pregando che durassero gli intenti
ci promettemmo il sempre degli amanti.
E hai potuto lasciarmi
e hai potuto intuire un’altra luce
che seguitasse oltre le mie spalle.
Mi hai suscitato dalle scarse origini
con richiami di musica divina
mi hai reso divergenza di dolore
spazio per la tua vita di ricerca
per abitarmi il tempo di un errore
e mi hai lasciato solo le tue lettere
onde ne ribevessi la mia assenza.