Simili

Alberto Cellotto

Alberto Cellotto

Uguale al treno, quando
tanti scendono e poi, soli, si sale.
Al centro della vita
restano i vestiti e le piante
che precedono i pensieri.
Si sostituiscono alle occasioni
le belle strade.
Resta l’obbligo di dare
precedenza agli incroci
tra i volti, sfollare la memoria
Alberto Cellotto (Treviso, 1978), daPertiche(La Vita Felice, 2012)