Naufragio

Alberto Bertoni

Alberto Bertoni

Per me che sono miope
e vedo non vedo
il punto di rottura
la faglia più nascosta
leggera è in agguato una vertigine
a raccogliere la luce rasoterra
il nero della notte come avanza
quel peso della sosta
Il digiuno, allora, è forte
la chiglia del mio sguardo
l’immagini sventrata
nessuno scivola o piange
e a galla rimane
una sillaba sola
daIl Sosia